domenica 11 settembre 2016

Gnocchi viola (patate vitelotte) con burro e salvia

Foto 1
Foto 2

 
Foto 3
 
Foto 4
 
Foto 5
 
Foto 6
 
Foto 7

Ingredienti 12 persone:
1,2 kg. di patate viola (patate vitelotte) 
250 grammi di farina
10 foglie di salvia
100 grammi di burro
Olio extravergine di oliva

Preparazione:
Fate bollire dell'acqua in una pentola. Appena bolle mettete le patate. Per capire se le patate sono pronte infilzatele con un coltello, se la patata scivola significa che è cotta (vi consiglio comunque di sbucciare le patate prima di metterle in acqua, perché la buccia di questo tipo di patata è molto dura. Io comunque le ho fatte bollire con la buccia in modo tale che non si sgretolassero). Nel frattempo prendete una spianatoia e mettete la farina disponendola a fontana. Appena le patate sono pronte scolatele e poi sbucciatele. Adesso schiacciate le patate con lo schiacciapatate sulla farina (foto 3). Quando avete finito incominciate ad impastare il tutto, ottenendo un panetto compatto (foto 4). Adesso tagliate a fette il panetto che avete ottenuto. Da ogni fetta dovete ricavare dei filoncini grossi come il dito medio. Ottenuti questi filoncini (o cilindri) tagliateli a tocchetti di 2 cm (foto 5). Vi ricordo che la spianatoia deve essere sempre leggermente infarinata.  Adesso prendete una forchetta e passate i tocchetti sulla stessa per fargli prendere la forma (foto 6), in modo tale che i tocchetti di gnocchi possano trattenere il condimento. Adesso fate bollire dell'acqua in una pentola. Appena bolle mettete un po' di sale, un cucchiaio di olio extravergine di oliva (questo per non far attaccare gli gnocchi) e gli gnocchi. Nel frattempo in una padella fate sciogliere il burro e aggiungete le foglie di salvia mantenendo tutto su fuoco basso. Appena gli gnocchi galleggiano scolateli e metteteli nella padella amalgamando il tutto. Il piatto è pronto per essere servito (foto 1 e 7).

P.S.: è la prima volta che cucino questo tipo di patata, il colore è spettacolare. Devo dire anche che è molto buona e consistente. 

Nessun commento:

Posta un commento